Portonovo

Un paesaggio costiero delle Marche sotto il Monte Conero

Portonovo e il Monte Conero, un pezzo di costa adriatica delle Marche che vorrei conoscere meglio e frequentare più spesso. Poche settimane fa, mi sono perso sulla strada che da Ancona va a Numana.

Una foto di 25 anni fa

Un gita nelle Marche, una strada sbagliata, ed un cartello che mi indicava Portonovo. Alla vista del mare è riemersa dalla memoria una vecchia foto scattata anni fa, e l’itinerario marchigiano ha avuto una deviazione. Luce, colori, cielo, nuvole … il paesaggio che mi si presentava al mio sguardo, non aveva nulla a che vedere con quella foto scattata 25 anni fa, un campo di grano quasi pronto per essere mietuto e sullo sfondo il mare. Ho ritrovato il punto, ed ho apprezzato ancora la bellezza del posto. I campi erano incolti e alcuni alberelli si erano presi il loro spazio interrompendo la vista del mare a 180 gradi. Ho fatto una foto con il cellulare per ricordarmi di cercare quella foto in archivio.

La chiesa romanica sotto il Monte Conero

Come tutti i luoghi di mare italiani anche Portonovo fuori stagione si trasforma. La ressa estiva, il caldo e le spiagge piene di ombrelloni sono un vago ricordo. Sono venuto a Portonovo fuori stagione non per fare un bagno nel gelido Adriatico invernale, ma per visitare una chiesa antica sotto il Monte Conero. Si tratta di Santa Maria di Portonovo, una chiesa romanica in riva al mare, una vera rarità. Un paesaggio costiero che ho già fotografato da cielo negli anni novanta. Ci sono passato sopra in elicottero. Qui sotto lo scatto che realizzai in formato 6×6.

Portonovo, 1990- Monte Conero, la Chiesa di Santa Maria di Portonovo in riva al mare fotografata dal cielo, in elicottero - Foto di Luca Tamagnini

Portonovo, 1990- Monte Conero, la Chiesa di Santa Maria di Portonovo in riva al mare fotografata dal cielo, in elicottero – Foto di Luca Tamagnini

La Chiesa di Santa Maria di Portonovo era un luogo di eremitaggio in riva al mare ed è citato nella Divina Commedia. I versi di Dante parlano di San Pier Damiani che intorno all’anno 1000 si era trasferito a Portonovo da un’altro convento delle Marche (Fonte Avellana) e aveva assunto un altro nome: Pietro peccatore. Il santo racconta a Dante e Beatrice, di essersi li ritirato a vita di penitenza. Questo celebre passo nel canto XXI della Commedia serve a Dante come invettiva contro il lusso dei prelati. San Pier Damiani è stato un frate camaldolese molto erudito. Un’asceta che era contrario a ogni forma di radicalismo per la riforma della Chiesa. Secondo lui il papato e l’Impero dovevano collaborare. Siamo nell’Italia fratricida dei Guelfi e Ghibellini. Fu molto duro contro la ricchezza del clero e il suo corrotto stile di vita.

Monastero benedettino

Una frana sconvolse il luogo nel 1300, annientò il monastero benedettino di cui la chiesa faceva parte e costrinse i frati ad abbandonare Portonovo. Solo negli anni ‘30 del novecento la chiesa fu riaperta al culto dopo un lungo lavoro di restauro. Uno stile romanico autentico, mai contaminato da altri stili grazie all’isolamento e all’abbandono.

Forte napoleonico

Un forte napoleonico è l’altro edificio importante di Portonovo, costruito con i ruderi del convento. Un presidio militare a controllo della baia. Portonovo è una rada strategica per la difesa di Ancona. Portonovo via mare è molto vicina al porto di Ancona. Un riparo ideale per una flotta nemica che volesse minacciare dal mare Ancona. Infatti la città ha subito molti assedi nella sua lunga storia.

Ancona

Ancona è stata fondata dai Siracusani, intorno al 390 a.C. Sono rimasto sorpreso scoprire che nelle marche un pezzo di Sicilia vi avesse lasciato identità mediterranee con radici così profonde. Il periodo romano ha lasciato nel porto di Ancona un monumento bellissimo: l’arco di Traiano (115 d.C.). Passano i secoli e Ancona subisce la prima ondata araba. Un pirata berbero Khalfùn nel 848 distrusse Ancona. Fu il periodo più buio della città. Dopo qualche secolo Ancora risorse, ebbe colonie e consoli a Costantinopoli. Aveva una moneta, l’angonetano.
Fu uno scalo molto importante, un ruolo commerciale strategico per tutta l’Italia centrale. Anche le città toscane, soprattutto Firenze usavano Ancona per le rotte adriatiche e mediterranee orientali.

Porto adriatico del Papa

Ancona è stata sicuramente la quinta repubblica marinara italiana, dopo Venezia, Genova, Pisa ed Amalfi. La sua storia, la sua potenza commerciale e marittima non ha nulla da invidiare alle altre anche se la vicinanza di Venezia non le ha permesso di crescere e prosperare più di tanto. Una libertà che termina il 1532 quando un Papa la sottomette e la ingloba sotto la sovranità diretta dello stato pontificio.

La Chiesa gestita dal FAI

Dal 2013 la chiesa è gestita da FAI ( FONDO AMBIENTE ITALIANO ). Sul sito della  Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici delle Marche è possibile avere tutte le informazioni utili per visitare questo bellissimo monumento in riva mare e circondato dai boschi del Monte Conero.

[LUCA TAMAGNINI] 23 marzo 2016


Su Photoatlante è possibile acquistare la foto del campo di grano sul mare, scattata nei pressi di Portonovo.

Portonovo-Monte-Conero-110x50-cm-foto-di-Luca-Tamagnini. Campi di grano sul mare

Portonovo-Monte-Conero-110×50-cm-foto-di-Luca-Tamagnini. Campi di grano sul mare


Link al mio libro fotografico di grande formato sul paesaggio costiero della Sardegna:

Sardegna Paesaggio Costiero in vendita su Photoatlante | Sardegna Paesaggio Costiero in vendita su Amazon


Articoli correlati

Fotografare paesaggi marini

Lo spettacolo del paesaggio costiero italiano

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.